Cerca nel blog

lunedì 20 giugno 2016

Auguri, sindaco!!

Ieri sera, con insolita rapidità, viene eletta come sindaco di Roma una certa Virginia Raggi, avvocato, si spera, persona semplice e concreta. Parte del mondo cattolico ha accolto questo come la tempesta di fuoco su Sodoma, più o meno. Devo dire che non mi dispiace, mi sembra una personcina a modo, non mi dispiace neanche troppo del contratto che ha sottoscritto col movimento 5 stelle, quello secondo il quale dovrebbe sborsare un botto di soldi nel caso leda l'immagine del movimento (qui lo capisci che Grillo non è totalmente andato, ha capito che la maggior parte degli italiani riflettono di più se gli tocchi il portafogli), mi dispiace Grillo.
Partiamo dal principio, in nulla o in pochissimo mi sento rappresentata da Renzi, non ho mai votato a sinistra e probabilmente, dopo aver visto ciò che il comunismo ha lasciato, non lo farò mai; sono felice che sia stata scelta l'alternativa, anche se tremo, perché dietro c'è, di fatto, un comico, che ha sicuramente un grande desiderio di consenso ma che non si lascia perdere gesti teatrali (come affacciarsi ieri dalla finestra che faceva moooolto Benito Mussolini) o anche blasfemi (ma magnateli tu i grilli, che ti autodefinisci un insetto!) credo però che il problema vero sia di chi non ha capito che lui fa queste cretinate perché alla gente 1) non glie ne importa nulla; 2) Ci passa sopra.
Questo può anche essere uno stimolo per i cristiani, ciò che più mi dispiace è che noi tutti cattolici siamo talmente lontani dalla santità che nemmeno la intravediamo e questo non ci fa essere credibili. Se noi fossimo credibili e luminosi la gente vedrebbe e non potrebbe fare a meno di desiderare tanta bellezza. La colpa è quindi nostra. Non so se riuscirò a cambiare il mondo, ma credo sia giusto lavorare con quello che abbiamo e trarne il meglio, senza lamentarci. Forza e coraggio, se fossimo buoni cristiani Grillo non potrebbe permettersi certi teatrini. E auguri, Virginia, che il tuo essere donna prevalga sul tuo essere grillina.

Nessun commento:

Posta un commento